Quando il distanziamento sociale salvò il Ghetto di Varsavia dall’epidemia

Nel 1941, un’epidemia di tifo colpì il ghetto di Varsavia, dove vivevano 450.000 persone. L’ambiente freddo e affollato offriva le condizioni ideali per la diffusione delle infezioni.  Così nel gennaio del 1941, gli abitanti del ghetto di Varsavia iniziarono, inevitabilmente, ad ammalarsi. Solo pochi mesi prima, gli occupanti nazisti avevano costretto la popolazione ebraica in un’area sovraffollata di 3,4 chilometri quadrati. 450.000 persone si trovano di fronte all’improvviso scoppio di una malattia infettiva che, se non prontamente curata, può arrivare ad avere un alto  tasso di mortalità. La malattia cominciò a dilagare nel ghetto colpendo 120000 persone, uccidendone 30000 circa. 

 

Si arrivò così al mese di ottobre, quando un altro rigido inverno era alle porte, ma l’epidemia, fortunatamente diminuì fino a scomparire grazie a mirati interventi di salute pubblica, come riporta un recente studio.  Per combattere la diffusione della malattia, suggeriscono gli esperti della rivista Science Advancese, gli ebrei all’interno del ghetto potrebbero aver fatto qualcosa di non troppo diverso da quanto raccomandato oggi nella lotta contro COVID-19. Gli abitanti del ghetto varsaviano si mobilitarono per aiutare a fermare la diffusione del tifo. Terrorizzati dal contatto accidentale, le persone costrette nel ghetto praticarono il distanziamento sociale, prestando attenzione all’igiene personale e a quella delle loro abitazioni, per quanto fosse possibile. Anche l’auto isolamento divenne una pratica regolare. Incontri, conferenze e corsi sull’igiene e sulle malattie infettive diventarono materie per l’università medica clandestina.
Tra i i funzionari della sanità pubblica ebrei che lavoravano all’interno del ghetto c’era l’epidemiologo Ludwik Hirszfeld,  lo studioso che scoprì l’eredità dei gruppi sanguigni. Hirszfeld aveva già contribuito a creare l’Istituto nazionale di igiene nello stato polacco esistente tra le due guerre mondiali e svolse un ruolo importante nella creazione di iniziative di salute pubblica all’interno del ghetto. Nel suo libro di memorie  scrisse: “il tifo è il compagno inseparabile della guerra e della carestia … Questa malattia distrugge più persone del” più brillante “comandante. Spesso decide l’esito delle guerre “.

Per combattere la malattia mortale, anche con scarse risorse, Hirszfeld e altri medici ebrei tennero centinaia di conferenze pubbliche, offrirono corsi sanitari e di igiene e istituirono quindi un’università medica sotterranea per formare giovani studenti di medicina sugli effetti concomitanti della fame e delle epidemie .  L’epidemia aiutò i soccorritori a tenere a bada la Gestapo, ad esempio, quando i lavoratori muniti di test positivi al tifo si presentavano in una fabbrica o in un cantiere di lavoro forzato, i tedeschi li  mandavano in quarantena. Il caso del ghetto di Varsavia non è sicuramente il primo o l’unico esempio dell’interazione tra politica e malattia, ma questo studio fornisce prove illuminanti a favore dell’efficacia delle campagne di salute pubblica e della necessità di nuovi modi per valutare i fattori di rischio, in particolare alla luce della pandemia di coronavirus in corso. Indubbiamente ci sono lezioni inestimabili da imparare dal passato.

Please follow and like us:
20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *