Nella casa di vetro di Giuseppe Munforte

 

 

Giuseppe Munforte è bravo a creare sin dalle prime del suo romanzo una gabbia di vetro in cui rinchiude magistralmente il lettore, portandolo proprio lì, dove vuole lui, con ritmo e cadenza precisi.

 

Una scrittura ben dosata e calibrata capacissima di creare un flusso narrativo non veloce ma fluido e decisamente potente.

 

Infatti parola dopo parola la famiglia protagonista della vicenda si sedimenta nel lettore, nei suoi aspetti quotidiani, ma mai scontati e banali perché la principale bravura dell’autore è infatti  di proporci un punto di vista originale, sempre accuratamente in bilico tra una visione critica e reale e una percezione onirica ed irreale della realtà tribale- familiare.

 

 

Nella Casa di Vetro, per l’appunto, è un libro statico, dove l’immobilità non è da intendersi come un difetto ma punto di forza e di appoggio.

 

 

Davide, questo è il nome della guida che Munforte offre al lettore in questo viaggio temporale, è il protagonista di una nota favola contemporanea, quella della ricerca della felicità che ci vede coinvolti ogni giorno.

 

Ma la Casa di vetro cambia e si evolve e così da gabbia iniziale, usata per imbrigliare la prosa accattivante comincia a cambiare l’importanza stessa del verbo, come una lente d’ingradimento, soffermandoci su valori troppo spesso accantonati in nome di un qualcosa non ben definito che ci attacca sempre  dall’esterno e solo l’amore è un ancora di salvezza.

 

 

Quando dormi, e ti vedo lontana per sempre, vorrei chiamarti e dirti: lo senti, amore, lo senti ora, mentre sembra che stiamo volando attraverso la notte, in questa casa squarciata, senza speranza di farcela – un fuoco sferzato dal gelo – , lo senti, in questo momento, come tutto questo abbia senso?

Titolo Nella casa di vetro
Autore Munforte Giuseppe
Dati 2014, 198 p., brossura
Editore Gaffi Editore in Roma (collana Godot)

nella casa

Please follow and like us:
20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *